Questo sito utilizza cookies per fini tecnici. I dati possono essere usati per inviarti pubblicitŕ e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sul pulsante "Tutela della privacy". Chiudendo questo banner, o continuando con la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.
Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e pertanto, non richiedono il tuo consenso.
Questi strumenti di tracciamento ci permettono di misurare il traffico e analizzare il tuo comportamento con l'obiettivo di migliorare il nostro servizio.
Questi strumenti di tracciamento ci consentono di fornirti contenuti commerciali personalizzati in base al tuo comportamento e di gestire, fornire e tracciare gli annunci pubblicitari.
informazioni

Pronto il nuovo bando Parco Agrisolare da 1 miliardo

26/06/2023

Sarà pubblicato a breve il bando “Parco Agrisolare”, che ha ricevuto il via libera della Commissione Europea.
 
Sono quindi in arrivo 1 miliardo di euro del PNRR, che incentiveranno l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti dei fabbricati agricoli.
 

Parco Agrisolare, a breve la pubblicazione del bando

Il Ministero dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (Masaf) ha messo a punto il nuovo bando Parco Agrisolare lo scorso aprile.
 
Il testo è stato inviato alla Commissione Europea, che come da prassi deve autorizzare il riconoscimento degli incentivi ai vari settori economici.
 
La Commissione Europea ha dato parere positivo, quindi, come annunciato dal Masaf, il bando Parco Agrisolare sarà pubblicato nei prossimi giorni.
 
Il Ministro Francesco Lollobrigida ha spiegato che il nuovo regime di aiuti per interventi su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale ha l’obiettivo di favorire lo sviluppo delle energie rinnovabili e la riduzione dei costi di produzione delle imprese.
 
Secondo Lollobrigida, le spese per l'approvvigionamento energetico in media rappresentano oltre il 20% dei costi variabili a carico delle aziende.
 
“La possibilità di autoprodurre energia da fonti rinnovabili utilizzando i propri fabbricati, e quindi senza alcun consumo di suolo, è non solo un grande passo verso la sostenibilità del comparto ma anche un'occasione per abbassare le spese di produzione e, allo stesso tempo, di crescita, in competitività, della nostra Nazione” ha affermato Lollobrigida.
 

Parco Agrisolare, gli incentivi in arrivo

Il bando Parco Agrisolare ha una dotazione complessiva di circa 1 miliardo di euro.
 
Circa 700 milioni di euro sono destinati a offrire l’80% di contributo a fondo perduto alle imprese agricole di produzione primaria per l’installazione di impianti destinati all’autoconsumo.

Altri 150 milioni di euro finanzieranno i contributi a fondo perduto, fino all’80%, a favore delle imprese di trasformazione di prodotti agricoli per l’installazione di impianti non necessariamente destinati all’autoconsumo, con possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato.
 
75 milioni di euro copriranno i contributi a fondo perduto del 30%, a favore delle imprese agricole di produzione primaria, per l’installazione di impianti non necessariamente destinati all’autoconsumo, con possibilità di vendita dell’energia prodotta sul mercato. Sono previste maggiorazioni del contributo per le piccole e medie imprese e per le aree svantaggiate.
 
Altri 75 milioni finanzieranno infine i contributi a fondo perduto del 30% per le imprese della trasformazione dei prodotti da agricoli a non agricoli, che potranno installare gli impianti fotovoltaici senza il vincolo dell’autoconsumo, con possibilità di vendita dell'energia prodotta sul mercato.
 
Il bando prevede la possibilità di realizzare investimenti di autoconsumo condiviso.
 
I contributi coprono l’installazione dei pannelli fotovoltaici, ma anche le spese per l’acquisto e la posa dei moduli fotovoltaici, la realizzazione di sistemi di accumulo e i costi di connessione alla rete.
 
In caso di installazione di dispositivi di ricarica elettrica per la mobilità sostenibile e per le macchine agricole, sarà ammessa una ulteriore spesa fino a 30mila euro.
 

Parco Agrisolare, agevolazioni anche per rimozione amianto e progettazione

Il bando Parco Agrisolare ammette inoltre ai finanziamenti anche le spese per altri interventi realizzati contestualmente all’installazione dei pannelli fotovoltaici, come il miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture, l’isolamento termico dei tetti e la realizzazione di un sistema di aerazione connesso alla sostituzione del tetto (intercapedine d’aria).
 
Sono incentivabili anche gli interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto, eseguiti contestualmente all’installazione degli impianti, nonché le spese per la demolizione e ricostruzione delle coperture.
 
Accedono agli incentivi anche le spese per la progettazione, l’asseverazione degli interventi e la presentazione delle istanze.
 

Parco Agrisolare, da dove arrivano le risorse e il flop del precedente bando

Lo stanziamento di circa 1 miliardo di euro, previsto dal bando Parco Agrisolare che sarà a breve pubblicato, non è nuovo.
 
Le risorse derivano dal primo bando, con cui sono stati stanziati 1,5 miliardi di euro.
 
Le domande per accedere alle risorse del primo bando Parco Agrisolare sono state presentate a partire dallo scorso settembre ma hanno assorbito solo 500 milioni di euro.
 
Per raddrizzare il tiro, il nuovo bando Parco Agrisolare prevede incentivi più invitanti rispetto al primo:
- raddoppio della potenza massima installabile che passa da 500 kWp a 1 MWp;
- raddoppio della spesa ammissibile per gli accumulatori, che passa da 50mila a 100mila euro;
- raddoppio della spesa ammissibile per dispositivi di ricarica, che passa da 15mila a 30mila euro;
- raddoppio della spesa massima ammissibile per beneficiario, che passa da 1 milione a 2,3 milioni di euro. incluse le spese accessorie (es. rimozione amianto).

LE ULTIME NEWS

© 2024 Preventivifree.net Soc. Coop.

| Preventivifree aziende
Iscrivi la tua azienda
| Preventivifree.net Soc. Coop.
P.IVA 032 8208 0831
Email: [email protected]
[email protected]
(+39) 0941 318288
(+39) 328 6189247
(+39) 391 4704529